Diritto Amministrativo

Lo Studio Legale Cetraro opera nel campo del Diritto Amministrativo e del Diritto Processuale Amministrativo, offrendo servizi sia alle imprese che ai soggetti privati.

In particolare, offre consulenza e assistenza giudiziale in materia di espropriazioni, urbanistica, governo del territorio, opere pubbliche e infrastrutture, autorizzazioni e concessioni.

Lo Studio assiste la propria clientela in tutte le fasi relative al contenzioso amministrativo dinanzi al T.A.R., al Consiglio di Stato, in sede arbitrale e dinanzi alle altre autorità giurisdizionali e amministrative.
Lo Studio vanta anche una specifica esperienza nella difesa di funzionari pubblici, assistendoli nei giudizi innanzi la Corte dei Conti.

Cons. di Stato, Sez. III, sent. n. 872 del 02.02.2020: “(…) La partecipazione alla procedura di stabilizzazione non è consentita ai dipendenti già in servizio a tempo indeterminato presso altra pubblica amministrazione, in quanto una tale evenienza entra in contraddizione con la “ratio” della norma, alterandone il carattere speciale di reclutamento ristretto alla platea dei dipendenti in servizio “precari”, in quanto titolari di contratti a tempo determinato.”

Cons. di Stato, Sez. III, sent. n. 820 del 31.01.2020: “(..) L’informazione antimafia non richiede la necessaria osservanza del contraddittorio procedimentale, meramente eventuale in questa materia ai sensi dell’art. 93, comma 7, d.lgs. n. 159 del 2011 né è configurabile l’applicazione dell’art. 21-octies, comma 2, l. n. 241 del 1990 non essendo l’informazione antimafia provvedimento vincolato, ma per sua stessa natura discrezionale.”

Cons. di Stato, Ad. Plen., sent. n. 02 del 20.01.2020: “(…) Per le fattispecie disciplinate dall’art. 42-bis del d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, recante il Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità, l’illecito permanente dell’amministrazione viene meno nei casi da esso previsti (l’acquisizione del bene o la sua restituzione), salva la conclusione di un contratto traslativo tra le parti, di natura transattiva, mentre la rinuncia abdicativa non può essere ravvisata.”

 

LEGGE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO (Legge 7 agosto 1990, n. 241)
CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO
CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI